header_image
Ricerca Avanzata
abbiamo trovato 0 risultati
Risultati della ricerca

Montagna

Dalla Verde Irpinia ai paesaggi suggestivi del Cilento.  S.E.I.A.C. unisce amore per il territorio e promozione delle eccellenze campane.

Il Parco Regionale dei Monti Picentini situato nel cuore dell’ Appennino Campano, è delimitato dai solchi dei fiumi Sabato, Sele e Calore al centro dei quali svettano i Monti Picentini. La complessa e articolata catena montuosa, decentrata verso il Tirreno rispetto all’asse appenninico, con aspre creste rocciose, raggiunge i 1800 m. sul Monte Cervialto.
Di natura calcarea e dolomitica il Polveracchio, l’Acellica, il Mai, il Terminio e gli altri del gruppo dei Picentini, sono ricoperti da boschi, separati da ampie valli, circondati da un dolce territorio collinare e caratterizzati da profonde gole, sorgenti e numerose grotte. Antichi luoghi di culto, castelli medioevali, ruderi sparsi e le numerose aree archeologiche testimoniano le antiche frequentazioni dell’area. A cavallo tra le province di Avellino e Salerno, il Parco incide su 30 comuni e 4 comunità montane. A Serino, Caposele, Campagna e San Cipriano le 4 porte di accesso al parco con i rispettivi info point. Gli 83 sentieri e le 33 grotte, tra cui la Grotta dell’Angelo e la Grotta dello Scalandrone, sono raggiungibili grazie alla carta dei sentieri. Il Parco racchiude, inoltre, 2 oasi del WWF e il Lago Laceno.

Il Parco Nazionale del Cilento e Vallo di Diano, una lunga lingua di terra dove si coniugano le bellezze del mare con la maestosità della montagna, uno dei più estesi e completi, per posizione geografica e distribuzione antropica, rappresenta un unicum nel panorama dei Parchi d’Italia, tanto da essere stato riconosciuto dall’ Unesco patrimonio dell’umanità. Alle peculiarità geomorfologiche (monti, vallate, coste, mare, fiumi, forre, inghiottitoi, grotte) che questo territorio offre, si aggiunge una lunga lista di aspetti botanici che lo caratterizzano: gli estesi boschi di faggio in ambienti carsici, la presenza dell’abete bianco e della betulla, l’alta percentuale di piante endemiche ed officinali.

Ricca anche la fauna con la presenza della lontra, del lupo, del gracchio corallino, del picchio nero, dell’aquila reale, ecc. Di conseguenza ne deriva una grande e diversificata varietà di ambienti e itinerari di straordinaria bellezza.

Le attività escursionistiche previste hanno un grado di difficoltà variabile tra Facile e Medio e sono accessibili a chiunque abbia un livello base di preparazione fisica sono vari e numerose per approfondimenti e per conoscere tutte le escursioni potete consultare il sito delle Guide Ufficiali del Parco o il sito del Gruppo escursionistico Trekking Vallo Diano .

Natura e Relax

 Il mix perfetto per vivere delle vacanze incantevoli con SEIAC !

  • Advanced Search

    € 0 a € 500.000